Le Canzoni da riscoprire di Renato Zero

 In news

RTR99_Canzoni-da-riscoprire-Renato-ZeroEd io tra di voi con David Guarnieri dall’8 al 12 agosto
L’omaggio settimanale è dedicato ad un vero e proprio idolo del pubblico: Renato Zero. Nato a Roma nel 1950, Renato Fiacchini muove i primi passi come ballerino, nella compagnia di spettacolo di Rita Pavone (con le amiche Loredana Bertè e Stefania Rotolo). Il primo singolo viene pubblicato nel 1967 (Non basta sai), prodotto da Gianni Boncompagni. Il 45 non ottiene alcun successo e Zero torna nell’oblio. Nel 1970, Renato fa parte del cast del musical “Hair” (versione italiana del celebre e controverso spettacolo americano) e dell’opera rock “Orfeo 9”, ideata da Tito Schipa Jr. Nel 1973, Zero pubblica il primo album “No! Mamma, no!”, seguito da “Invenzioni” (non troppo apprezzati dal pubblico). Nel 1976 è la volta di “Trapezio” (un discreto successo, grazie al singolo “Madame”). Nel 1977 arriva la vera affermazione con il 33 giri intitolato “Zerofobia” (trainato dalla celebre “Mi vendo”), seguito dai trionfi di brani come “Triangolo”, “Il carrozzone” e “Amico”. Dopo qualche anno tra silenzio e riapparizioni (1984-1989), Zero torna alla grande nel 1991, classificandosi secondo al Festival di Sanremo, con la drammatica “Spalle al muro”. Da quel momento, ogni suo album ed ogni suo spettacolo si rivela un boom.  RTR 99 vi presenterà cinque bei motivi, naturalmente “fuori dal coro”.

Articoli Consigliati