Condividi l'articolo:

1° Maggio…
Festa dei lavoratori…

Stavolta mi sembra proprio una presa per i fondelli. Ma come? Prima li lasci a casa paventando il finimondo, prometti aiuti che non sono arrivati, ora riapri a singhiozzo senza stoppare il pagamento delle tasse… E secondo questo governo composto da clown, come potrebbero ritrovare il loro posto se gli imprenditori, soprattutto i piccoli ed i medi, devono farsi carico di tutto?

In una nazione civile, moderna, con politici preparati, le attività sarebbero state sostenute da provvedimenti semplici ed immediati: non si pagano tasse fino a Settembre.
D’altra parte, bisogna conoscere i vari mercati per capire una cosa semplice: non esiste più la possibilità di accantonare ma si lavora per restare in pareggio. Se va bene.
Altrimenti si ricorre alle banche che, come sciacalli, pasteggiano sui resti delle aziende.

Li avete voluti al governo? Ecco i risultati.
D’altra parte la competenza è un valore oggi dimenticato. Guardiamo al futuro con serenità perchè, se un’epidemia di questo genere fosse arrivata tra 3 o 4 anni, il rischio sarebbe stato di ritrovarsi le sardine al potere con quel poveraccio di Santori come ministro.
Nella difficoltà di oggi, pensiamo che con questi imbecilloni saremmo già morti tutti.