Condividi l'articolo:
Quando ero piccola adoravo passare del tempo con il mio papà.
Forse perché lo vedevo poco, visto che lui lavorava spesso fuori.
Ma quando c’era era tutto per me. Mi ha trasferito l’amore per l’arte, la musica e addirittura lo sport. Sì perché lui era un gran tifoso della Juve!! Ed io mi innamorai di quella squadra e dei suoi colori a prima vista.
Era il 79 ed io avevo 6 anni quando per la prima volta misi i miei piedini nello stadio di Torino. Mi si bloccò il respiro salendo le scale dello stadio e appena vidi il tappeto verde e quel boato di tifosi che incitava la propria squadra, ebbi un’ emozione di quelle che ti porti dietro per tutta la vita… la Juve vinse uno a zero e al grido dei tifosi si alzò tutto lo stadio.
Ed io che non avevo mai provato nulla di simile sventolavo la mia bandierina in una mano e i pop corn dall’altra con la paura che mi potessero cadere. Credo segnò Causio. Quel giorno non lo dimenticherò mai ed ancora oggi quando ci penso ho ancora i brividi.
Da quel momento in poi ho imparato che la vita è fatta di momenti che volano via, e da quando il mio papa’ non c’e’ piu’ io vorrei solo avere una macchina fotografica del tempo, per immortalare attimi felici di giornate straordinarie passate  accanto a lui, fatte di risate, di abbracci e di pop corn caldi, che a pensarci oggi mi scaldano ancora il cuore.

Loredana Manganaro