Condividi l'articolo:

Sono trascorsi 13 anni da quando Phil Collins, Mike Rutherford e Tony Banks avevano suonato insieme su un palco.

I Genesis, la band inglese che è stata storia della musica internazionale per intere generazioni,  hanno annunciato durante la trasmissione di Zoe Ball a radio BBC la loro “reunion” per una serie di date nel Regno Unito.

La band si formò verso la metà degli anni 60 componendo il primo album “From Genesis to Revelation” (album dalle strane risonanze rock folk) per poi intraprendere un viaggio musicale attraverso un genere chiamato e riconosciuto da tutti come – rock progressive – attraverso album ormai diventati pietre miliari della musica come “Trespass”, “Nursery Crime”, “Selling England by the pound” e il fantastico  “The lamb lies down on Brodway”.

Nel 1975, dopo numerosissimi tour dove la musica si vestiva di teatralità e imprinting immaginario, Peter Gabriel lasciò il gruppo, per abbracciare una nuova e straordinaria carriera solista, dando modo a Phil Collins di accrescere il suo ruolo di – drum man – diventando anche la voce e il front man dei – nuovi Genesis

Da qui la svolta in svariati stili e generi intersecanti che oltre al già noto rock prog si avviluppano con nuove tendenze musicali quali la new wave, il pop e la canzone più commerciale, con meno rotondità e lunghezze, ma con impatti decisamente forti nei riguardi di pubblico e classifica, come nel caso dell’album “Invisible touch” del 1986.

La storia dei Genesis si riduce quando qualche anno dopo, Phil Collins se ne va desideroso anch’esso di costruire una sua carriera solista, ma con la deludente uscita dell’album del 1997 “Calling all stations” la band termina la sua storia, per riprenderla nel 2007 in un tour denominato “Turn it on again”.

Dopo quell’anno, ogni membro della band, fece un percorso musicale a sè, ognuno con le proprie ricerche musicali, ma con una – promessa appesa nell’aria – di un nuovo incontro e una nuova avventura che, in questo 2020, riporterà i Genesis nuovamente a calcare le scene della grande musica.

Guido Tognetti