Condividi l'articolo:

1973 Serata finale del XXIII Festival di Sanremo

Sabato 10 marzo 1973: al Salone delle Feste del Casinò di Sanremo, si chiude la 23a edizione del Festival della Canzone Italiana. Per la prima volta, la RAI decide di riprendere a livello televisivo soltanto la serata conclusiva, mentre le puntate eliminatorie vengono irradiate esclusivamente dalla radio. A organizzare la manifestazione, il patron Vittorio Salvetti, deus ex machina del “Festivalbar”, concorso sempre più amato ed affermato, soprattutto tra il pubblico giovane.  A condurre la rassegna, Mike Bongiorno (il quale si limita ad intervenire nel gala di chiusura, a causa dei suoi impegni televisivi con il “Rischiatutto”) e Gabriella Farinon, inappuntabile ed elegantissima padrona di casa di tutte e tre le serate.

A ripetere i refrain dei motivi in gara per ricordarli alle varie giurie è il celebre direttore d’orchestra francese Raymond Léfevre.

Nel corso delle due gare eliminatorie vengono eliminati alcuni importanti personaggi: Gigliola Cinquetti, Sergio Endrigo, il debuttante Christian De Sica, i Jet (gruppo che diventerà in seguito famoso come Matia Bazar) e Drupi, con “Vado via”, che arriva addirittura ultima, ma verrà scoperta dal pubblico francese e, sull’onda dell’affermazione nella Hit Parade transalpina, diviene famosa anche nel nostro Paese.

A conquistare il primo premio è Peppino Di Capri, con “Un grande amore e niente più” (firmata dallo stesso cantante napoletano assieme a Gianni Wright e Franco Califano). Secondo è Peppino Gagliardi (il “Belloni” della canzone) con “Come un ragazzino”. Terza è Milva, raffinatissima ed intensa interprete di “Da troppo tempo” (scritta da Luigi Albertelli e Gene Colonnello). La rivelazione dell’anno è Gilda Giuliani, 18enne dalla splendida voce, che incanta il pubblico italiano con un brano in stile “francese”, intitolato “Serena” (con cui ottiene anche un vasto successo internazionale). Si segnala il fortunato debutto di Roberto Vecchioni, che conquista un onorevole settimo posto, cantando la struggente “L’uomo che si gioca il cielo a dadi”, dedicata a suo padre.

Classifica finale del Festival di Sanremo 1973:
1°      Peppino Di Capri – Un grande amore e niente più
2°     Peppino Gagliardi –         Come un ragazzino
3°     Milva – Da troppo tempo
4°     Ricchi e Poveri – Dolce frutto
5°      Gilda Giuliani – Serena
6°     Wess e Dori Ghezzi         – Tu nella mia vita
7°      Roberto Vecchioni – L’uomo che si gioca il cielo a dadi
8°     Fausto Leali – La bandiera di sole
9°     Umberto Balsamo – Amore mio
10°   Anna Identici – Mi son chiesta tante volte
11°    Camaleonti – Come sei bella
12°    Donatello –  Tu giovane amore mio
13°    Memo Remigi – Il mondo è qui
14°    Alessandro – Tre minuti di ricordi
15°    Lionello – Straniera straniera
16°    Lara Saint Paul  – Una casa grande

David Guarnieri