Condividi:

HIT PARADE STORY (09 luglio 1982)

Ciao a tutti gli amici e le amiche di “RTR 99 – Canzoni e Parole Fuori dal Coro”. Il nostro viaggio nel passato ci porta nel luglio del 1982.

Le notizie riguardanti la politica italiana conquistano le prime pagine dei quotidiani d’epoca. Il Governo Spadolini ottiene la fiducia al Senato, in merito all’ordine del giorno presentato dai partiti della Maggioranza. La votazione favorevole preclude il voto anche sulle due mozioni, presentate rispettivamente dal Partito Comunista e dal Movimento Sociale. Prima di porre la fiducia, il Presidente del Consiglio Giovanni Spadolini riunisce il Consiglio dei Ministri. A votare favorevolmente: DC, PSI, PSDI, PRI, PLI. Contrari: Radicali, Missini, Indipendenti di Sinistra e Comunisti.

Il mondo del calcio è in fervente attesa per la partita conclusiva dei Campionati del Mondo in Spagna, che si terrà l’11 luglio 1982 tra l’Italia di Enzo Bearzot e la Germania di Jupp Derwall. Qualche complicazione per gli azzurri giunti a Madrid con un volo charter: per alcuni problemi di carattere organizzativo la spedizione italiana parte con un ritardo di mezz’ora dall’aeroporto di Barcellona. Superati questi inconvenienti il DC-8 si è levato in volo giungendo dopo un’ora nell’aeroporto “Baracas” di Madrid. Gli azzurri si trasferiscono nell’Hotel “Alameda”, nelle vicinanze dell’aeroporto e a 15 chilometri dalla città.

Notizia cinematografica: Sergio Leone rivela pubblicamente di aver dedicato dieci anni della sua vita per realizzare il film che conclude il suo trittico. “C’era una volta in America”, infatti, è il film che con “C’era una volta il West” e “Giù la testa” forma un omaggio agli Stati Uniti d’America. Una Nazione che – secondo Leone – “Più mi interessa e mi appartiene perché mi ha formato ed è sempre stata la terra dei miei sogni, grazie a dei miti cinematografici come Humphrey Bogart e John Ford e a scrittori come Ernest Hemingway, John Dos Passos, Raymond Chandler e Dashell Hammett”. Per i ruoli dei protagonisti si parla di Paul Newman, Tom Berenger e Robert De Niro.

La classifica degli album più venduti del 9 luglio 1982 vede una netta prevalenza per la musica italiana rispetto a quella internazionale.

Al primo posto, Franco Battiato con il leggendario Lp “La voce del padrone”, uscito senza troppi clamori nel settembre 1981 e poi esploso all’inizio del 1982, grazie al successo di “Centro di gravità permanente”, “Cuccuruccucù” e “Bandiera bianca”.

In seconda posizione c’è Riccardo Cocciante con il bellissimo album “Cocciante”, contenente classici del cantautore di Saigon come “Celeste nostalgia”, “In bicicletta”, “Un nuovo amico”, “Un buco nel cuore” e altre.

Un altro pilastro della musica italiana si trova in terza piazza: Francesco De Gregori. Il “principe” dei cantautori fa centro con un altro capolavoro, intitolato “Titanic”. Tra i motivi più belli, oltre alla title-track, “La leva calcistica della classe ’68”, “Belli capelli”, “I muscoli del capitano”.

Quarta la band britannica The Alan Parsons Project con l’album “Eye In The Sky”, trainata dalla splendida canzone omonima, oltre che da brani quali “Gemini”, “Children Of The Moon”, “Step By Step”.

Quinto è Paul McCartney e il suo fortunatissimo album “Tug Of War”, che si avvale soprattutto del consenso ottenuto dal singolo “Ebony And Ivory”, interpretato con il grande Stevie Wonder.

La sesta posizione è ad appannaggio di Ron, definitivamente scoperto da critica e pubblico, grazie all’album “Guarda chi si vede”, ben lanciato dall’amatissimo singolo “Anima”.

Settimo è Antonello Venditti con il nuovo album “Sotto la pioggia”. Oltre al brano omonimo, a piacere sono altri motivi come “Dimmelo tu cos’è”, “Eleonora”, “Torino” e “Le ragazze di Monaco”.

Ottavi sono gli Imagination con l’Lp “Body Talk”, reso popolare dalla trascinante title-track, uno degli hit immancabili nelle discoteche di tutto il mondo.

Al nono posto l’unica donna presente nella top ten è Teresa De Sio, rivelazione dell’anno col suo Lp eponimo, guidato da una canzone amatissima come “Voglia ‘e turnà”, oltre che da “Aumm Aumm”, “Pianoforte e voce”, “Marzo” e altre.

A chiudere la top ten il doppio album “live” dei Pooh intitolato “Palasport”, contenente i classici della band italiana come “Pensiero”, “Canterò per te”, “Buona fortuna”, “Chi fermerà la musica” e l’inedito “Canzone per l’inverno”.

Ci ritroviamo la prossima settimana.
David Guarnieri

 

CLASSIFICA DEGLI ALBUM PIÙ VENDUTI (09 luglio 1982):

  1. La voce del padrone – Franco Battiato (EMI)
  2. Cocciante – Riccardo Cocciante (RCA)
  3. Titanic – Francesco De Gregori (RCA)
  4. Eye In The Sky – The Alan Parsons Project (Arista)
  5. Tug Of War – Paul McCartney (Parlophon)
  6. Guarda chi si vede – Ron (Spaghetti)
  7. Sotto la pioggia – Antonello Venditti (Heinz)
  8. Body Talk – Imagination (Panarecord)
  9. Teresa De Sio – Teresa De Sio (Polygram)
  10. Palasport – Pooh (CGD)

 

 

Ascolta RTR 99 sui 99.0 FM a Roma e Provincia, 94.0 FM a Latina e Provincia, 98.5 FM a Rieti e Provincia, sul Canale 680 del Digitale Terrestre TV in tutto il Lazio, sulle app gratuite “RTR 99”, sugli smart-speaker, sui principali media-player TV e Samsung TV.