Condividi:

HIT PARADE STORY (29 aprile 1972)

 

 

Ciao a tutte le amiche e a tutti gli amici di “RTR 99 – Canzoni e Parole Fuori dal Coro”. La nostra “macchina del tempo” ci porta indietro alla fine di aprile del 1972.

Vediamo cosa è successo a livello politico, sportivo, cinematografico e musicale.

 

La politica italiana è l’argomento di maggiore rilevanza sulle prime pagine dei quotidiani d’epoca. Le elezioni politiche in Italia, previste per il 7 e l’8 maggio 1972, sono particolarmente attese dai maggiori partiti politici, come non accadeva da diversi anni. Dal responso delle urne dipende la formula di governo, con o senza la presenza dei socialisti, ma anche per la stabilità democratica. Il Senatore a vita Giuseppe Saragat (in rappresentanza del Partito Socialdemocratico) dichiara che «Si aprirebbe un oscuro avvenire se l’area dei partiti che credono nella libertà e nella giustizia sociale fosse logorata dalle forze che vogliono la dittatura di sinistra o dalle forze della destra estrema, che vogliono assecondare gli istinti egoistici di minoranze retrive e immature. E ricorda che la dittatura fascista ha gettato l’Italia nel baratro della guerra e della disfatta».

Il democristiano Gian Aldo Arnaud sottolinea che «Qualsiasi tentativo di confondere i nostri obiettivi con quelli contrapposti del comunismo non può che trovare il nostro dissenso e la nostra opposizione; ed anche per questo chiediamo ai socialisti di abbandonare linee e indirizzi contraddittori e di scegliere definitivamente il campo democratico, uscendo dall’equidistanza tra Dc e PSI».

 

Note negative per la Nazionale Italiana guidata da Ferruccio Valcareggi. La squadra azzurra pareggia 0 a 0 con il Belgio, nella partita dei Quarti di Finale per le qualificazione dei Campionati d’Europa, nell’incontro disputato il 29 aprile 1972 allo stadio S. Siro di Milano. La formazione italiana è la seguente: Enrico Albertosi, Tarcisio Burgnich, Giacinto Facchetti, Gianfranco Bedin, Roberto Rosato, Pierluigi Cera, Angelo Domenghini, Sandro Mazzola, Pietro Anastasi, Giancarlo De Sisti, Gigi Riva.

Il CT Valcareggi lascia San Siro da un’uscita secondaria, la numero «23», quella che è di solito riservata alle «fughe» degli arbitri. Dall’altra parte un migliaio di tifosi rumoreggiava gridando insulti all’indirizzo del commissario tecnico e dei calciatori.

La critica calcistica è davvero dura con gli atleti scesi in campo. Il migliore risulta Burgnich, seguito da Albertosi, Facchetti, Cera e Causio. I peggiori in assoluto risultano Domenghini e De Sisti, definiti «pessimi». Severi anche i giudizi di famosi allenatori di club. Secondo il cagliaritano Manlio Scopigno: «Mai vista una partita così deludente, roba da Serie D»; il romanista Helenio Herrera afferma: «Il muro belga poteva saltare solo tirando da lontano»; l’interista Giovanni Invernizzi dichiara: «A Bruxelles sarà dura, ma gli azzurri potrebbero vincere in contropiede».

Il cinema italiano festeggia nella primavera del 1972: sono diversi i film di maggiore incasso in quei giorni: primo tra tutti, “La polizia ringrazia” diretto da Stefano Vanzina (alias Steno), interpretato da Enrico Maria Salerno, Mariangela Melato, Mario Adorf e Laura Belli, seguito da “All’onorevole piacciono le donne” di Lucio Fulci, con Lando Buzzanca, Laura Antonelli e Lionel Stander. Buon risultato anche per “Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto”, diretto da Vittorio Gassman e da lui interpretato assieme ad un ottimo Paolo Villaggio. Il cinema internazionale è comunque ben rappresentato da “Maria Stuarda, regina di Scozia” di Charles Jarrott, con Vanessa Redgrave e Glenda Jackson e da “Sfida senza paura” di e con Paul Newman, Henry Fonda e Lee Remick.

 

La classifica dei singoli più venduti in Italia nella settimana del 29 aprile 1972, vede prevalere lievemente la musica italiana rispetto a quella estera.

Al primo posto c’è Mina con “Grande, grande, grande”, motivo firmato da Alberto Testa e Tony Renis, lanciato nel corso delle puntate del fortunatissimo show tv “Teatro 10”, diretto da Antonello Falqui e condotto dalla stessa Mina e da Alberto Lupo.

Secondi sono i Delirium, band capitanata da Ivano Fossati, finalista della 22a edizione del Festival di Sanremo con la ben nota “Jesahel” (firmata dallo stesso Fossati e da Oscar Prudente).

Terza è un’altra rivelazione del Sanremo 1972, la giovane Marcella con il suo evergreen “Montagne verdi”, scritto da Giancarlo Bigazzi e Gianni Bella.

La quarta posizione è detenuta da “My World”, romantica ballata firmata e interpretata efficacemente dai Bee Gees, recenti ospiti del citato programma “Teatro 10”.

Quinta posizione per il grande Louis Armstrong con “(We Have) All The Time In The World”, tema dal film “Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà” interpretato da George Lazemby, Diana Rigg e Telly Savalas. La canzone, pubblicata nel 1969, diviene un successo discografico solo tra il 1971 e il 1972, all’indomani della scomparsa del musicista e cantante americano.

Ancora grande musica internazionale in sesta posizione per la leggendaria “Imagine”, interpretata magistralmente da John Lennon, autore del motivo assieme a sua moglie Yoko Ono.

La settima posizione è ad appannaggio di Nicola Di Bari, vincitore del Festival di Sanremo 1972 con “I giorni dell’arcobaleno”, recentemente presentata dal cantante pugliese all’Eurovision Song Contest di Edimburgo, in cui si è piazzato al sesto posto.

Ottava è Gigliola Cinquetti, anch’essa partecipante (e finalista) nella 22a kermesse sanremese con la spensierata “Gira l’amore (Caro bebè)”, firmata da Mario Panzeri e Daniele Pace.

La nona piazza è ad appannaggio di “Without You”, romantico motivo scritto da Peter Ham e Tom Evans, lanciato senza fortuna dai Badfinger nel 1970 ed esplosa alla fine del 1971, grazie alla splendida interpretazione di Nilsson.

A chiudere la top ten è Nada con “Il re di denari”, canzone firmata da Franco Migliacci e Claudio Mattone, che ha permesso alla cantante toscana di piazzarsi al terzo posto nel Sanremo ’72.

 

 

Appuntamento alla prossima settimana!

David Guarnieri

 

 

 

CLASSIFICA DEI 45 GIRI PIÙ VENDUTI (29 aprile 1972):

 

  1. Grande, grande, grande – Mina (PDU)
  2. Jesahel – Delirium (Fonit)
  3. Montagne verdi – Marcella (CGD)
  4. My World – Bee Gees (Polydor)
  5. (We Have) All The Time In The World – Louis Armstrong (United Artists)
  6. Imagine – John Lennon (Apple)
  7. I giorni dell’arcobaleno – Nicola Di Bari (RCA)
  8. Gira l’amore (Caro bebè) – Gigliola Cinquetti (CGD)
  9. Without You – Nilsson (RCA)
  10. Il re di denari – Nada (RCA)

 

 

Ascolta RTR 99 Canzoni e Parole fuori dal coro
– in FM: a Roma e provincia 99.0, a Latina e Pianura Pontina 94.0, a Rieti e provincia 98.5, a Fondi e Sperlonga 98.1;
– in DAB+ Digital Radio a Roma e provincia, Milano e provincia, in Liguria a Sanremo e Ventimiglia, in Costa Azzurra;
– in TV: in tutto il Lazio sul Digitale Terrestre Canale 680;
– in streaming audio e video su www.rtr99.it;
– sugli Smart-Speaker con gli assistenti vocali Alexa e Google;
– su Smartphone e Tablet con l’app “RTR99”;
– sulle Smart-TV Samsung e LG e su Amazon Fire, Android TV, Apple TV con l’app “RTR99”;
– sui principali aggregatori come RadioPlayer Italia e Tune-In.