Condividi:

HIT PARADE STORY (25 febbraio 1982)

 

Ciao a tutte le amiche e a tutti gli amici di “RTR 99 – Canzoni e Parole Fuori dal Coro”. Il nostro viaggio nel passato ci porta alla fine di febbraio del 1982. Vediamo un po’ cosa è successo a livello storico, tra politica, calcio, spettacolo e musica.

 

Le notizie protagoniste sui quotidiani dell’epoca riguardano la cosiddetta “Guerra del vino” tra italiani e francesi. L’indicazione raccolta in ambiti ministeriali dopo le discussioni avvenute tra i responsabili della politica agricola dei due Paesi (l’italiano Giuseppe Bartolomei e la francese Édith Cression) indica che “L’Italia continua a puntare sul giudizio della Corte di Giustizia Europea” riguardo questo importante contrasto. Nessuno dei due interlocutori vuole forzare i termini del disaccordo, con le rispettive posizioni che non sembrano aver subito modifiche sostanziali, anche se Italia e Francia convergono sulla necessità di affrontare alla radice la questione vinicola con una riforma della regolamentazione comunitaria settoriale. La “Guerra del vino” ricorda antagonismi di anni addietro, quando la bassa produzione francese coincise con la maggiore competitività del prodotto italiano.

 

Altre polemiche suscitate da un confronto tra Francia e Italia coinvolge anche il mondo del calcio. All’indomani dalla pesante sconfitta della nostra Nazionale, battuta 2 a 0 dalla squadra francese (nell’incontro amichevole del 23 febbraio 1982, con le reti di Michel Platini e Daniel Bravo), il rientro in Patria della squadra di Enzo Bearzot è alquanto mesto. Conversando con i giornalisti, il presidente della FIGC (Federazione Italiana Gioco Calcio), avv. Federico Sordillo, ha dichiarato di essere “preoccupato per la flessione avuta dagli azzurri” ed ha aggiunto che “forse possiamo trovare nel Campionato sostituti di alcuni elementi che da tempo mostrano cedimenti. La squadra va indietro: prima non segnava, oggi prende fin troppi goal. Quella di ieri è stata una giornata nefasta per il calcio azzurro, che alla sconfitta di Parigi ha abbinato quella dell’Under 21 a Catanzaro [sconfitta dalla Scozia per 1 a 0, al Campionato Europeo di Calcio, n.d.a.]”.

 

Sophia Loren sarà Tieta de Agreste, protagonista femminile di un kolossal prodotto dalla “Gaumont” e dalla “Rete 2” della RAI. Il film, tratto dal famoso libro “Vita e miracoli di Tieta de Agreste” dello scrittore brasiliano Jorge Amado (pubblicato nel 1977), sarà diretto da Lina Wertmüller. Le riprese cominceranno nel mese di marzo 1982 in Brasile, dove la “troupe” resterà per circa sei mesi. Oltre al film di due ore, si prevedono anche otto puntate televisive di un costo approssimativo di otto miliardi di lire. Accanto alla Loren, del cast farebbero parte Yves Montand, Josè Ferrer e Ugo Tognazzi. Per la cronaca, tale film non verrà mai girato, a causa dei problemi fiscali di Sophia Loren, che culmineranno col suo clamoroso arresto, avvenuto il 19 maggio 1982.

 

La classifica dei 45 giri più venduti in Italia, nella settimana del 25 febbraio 1982, vede una netta prevalenza di motivi cantati in italiano, rispetto a quelli interpretati in inglese: otto a due.

Al primo posto c’è Riccardo Fogli con “Storie di tutti i giorni”, brano firmato da Guido Morra, Maurizio Fabrizio e dallo stesso Fogli, che ha permesso a quest’ultimo di vincere la 32a edizione del Festival di Sanremo.

Secondo posto per Al Bano e Romina Power con la ben nota “Felicità” (di Cristiano Minellono, Dario Farina e Gino De Stefani), brano che ha permesso agli allora coniugi Carrisi di conquistare la medaglia d’argento al suddetto Festival.

Romina Power si piazza anche al terzo posto con la divertente “Il ballo del qua qua”, versione italiana del motivo “Tchip-Tchip” di Werner Thomas (1972), rielaborato nel 1980 dal gruppo De Elettronica, col titolo di “De vogeljesdans”. La Power firma il testo in italiano della canzone, assieme a Lorenzo Raggi.

Al quarto posto la romanticissima “Reality” cantata da Richard Sanderson (scritta da Jeff Jordan e Vladimir Cosma), tema d’amore dal fortunatissimo film “Il tempo delle mele”, diretto da Claude Pinoteau ed interpretato da Sophie Marceau, Claude Brasseur e Brigitte Fossey.

La quinta piazza è ad appannaggio di Claudia Mori con “Non succederà più” (firmata dalla stessa Mori e da Giancarlo Bigazzi), brano lanciato dalla cantante-attrice romana in qualità di ospite d’onore del recente Festival di Sanremo.

Sesto posto per Giuseppe Cionfoli, cantautore pugliese (ai tempi novizio dell’ordine dei Cappuccini), rivelazione del Festival di Sanremo 1982 con “Solo grazie”.

Il settimo posto vede protagonisti i Village People con la famosissima “5 O’Clock In The Morning”, scritta da Henri Belolo e Jacques Morali, tratta dal fortunato album della band americana, intitolato “Reinassaince”.

Ottavo è Claudio Cecchetto, conduttore del Festival di Sanremo ’82 (assieme a Patrizia Rossetti) con la ritmata “Ska’ Chou Chou”, che gli permette di fare bis a livello discografico, ad un anno di distanza dal grande successo di “Gioca Jouer”.

Nona posizione per Pippo Franco con la divertente “Che fico!” (sigla iniziale del 32° Sanremo), firmata tra gli altri dallo stesso attore romano, assieme a Ferruccio Fantoni e Valerio Liboni.

A chiudere la top ten è Stefano Sani, altra rivelazione del kermesse sanremese del 1982 con la popolare “Lisa”, scritta da Joe Iozzo, Roby Marsella e un certo Zucchero Fornaciari (anch’esso debuttante in quella edizione della gara canora, con la meno fortunata “Una notte che vola via”).

 

 

Ci ritroviamo la prossima settimana!
David Guarnieri

 

 

CLASSIFICA DEI 45 GIRI PIÙ VENDUTI (25 febbraio 1982):

  1. Storie di tutti i giorni – Riccardo Fogli (Paradiso)
  2. Felicità – Al Bano e Romina Power (Baby Records)
  3. Il ballo del qua qua – Romina Power (Baby Records)
  4. Reality – Richard Sanderson (Delta)
  5. Non succederà più – Claudia Mori (Clan)
  6. Solo grazie – Giuseppe Cionfoli (C&M)
  7. 5 O’Clock In The Morning – Village People (VIP)
  8. Ska’ Chou Chou – Claudio Cecchetto & La Dee Jay’s Gang (Fonit Cetra)
  9. Che fico! –  Pippo Franco (Lupus)
  10. Lisa – Stefano Sani (Fonit Cetra)

 

Ascolta RTR 99 Canzoni e Parole fuori dal coro
– in DAB+ a Roma e provincia, Milano e provincia, in Costa Azzurra;
– in radio: a Roma e provincia su FM 99.0; a Latina e provincia su FM 94.0; a Rieti e provincia su FM 98.5; a Fondi e Sperlonga su FM 98.1;
– in TV: in tutto il Lazio sul Digitale Terrestre Canale 680;
– in streaming audio e video su www.rtr99.it;
– sugli Smart Speaker Amazon e Google, con gli assistenti vocali Alexa e Google;
– sull’app gratuita “RTR 99” per smartphone, tablet, Amazon Fire, Android TV, Apple TV;
– sulle Smart-TV con l’app “RTR 99” oppure su Tune-In;
– sui principali aggregatori come Radio Player Italia e FM-World.