Condividi:

HIT PARADE STORY (24 dicembre 1970)

 

Ciao a tutte le amiche e a tutti gli amici di “RTR 99 – Canzoni e Parole Fuori dal Coro”. Questa volta il viaggio all’indietro ci porta nella settimana natalizia del 1970.

 

Per quel che riguarda l’attualità d’epoca, i conflitti nel Medio Oriente hanno la meglio sulle prime pagine dei quotidiani di quei giorni. Le trattative di pace arabo-israeliane, interrotte in precedenza, ricominceranno presumibilmente all’inizio di gennaio 1971. La conferma giunge dal Segretario di Stato statunitense William Pierce Rogers, che ha toccato l’argomento durante la sua conferenza stampa prenatalizia a Washington. Secondo il ministro, “vi è motivo di sperare in una imminente ripresa dei negoziati all’Onu. Il 1971 dovrebbe essere un anno di grandi decisioni per il Medio Oriente. Certo, è possibile che il conflitto non possa essere risolto da queste trattative, ma noi speriamo e crediamo, intensamente, che lo possa”. In risposta alle parole dei giornalisti, il Segretario di Stato Rogers respinge l’idea di costituire una forza russo-americana per il mantenimento della pace, aggiungendo: “È un’idea che non ha raccolto finora il favore di quasi nessun paese. Comunque l’America è pronta a partecipare sia a garanzie di pace sia ad un contingente dell’Onu”.

 

Malgrado il clima festivo, il campionato di calcio si appresta a vivere un’infuocata undicesima giornata del girone di andata, prevista per il 27 dicembre 1970, dominata da due match “super classici”: Inter-Juventus e Torino-Milan. Tre importanti allenatori prevedono i risultati di questi due incontri. Secondo Helenio HerreraSi tratta di due partite difficilissime per tutte e quattro le squadre. L’Inter è lanciata e piena di entusiasmo, ma la Juventus aspetta la grossa occasione per fugare i dubbi sul suo valore. Il risultato più probabile secondo me è un pareggio. Per quanto riguarda invece Torino-Milan non ho dubbi: vincerà il Torino”. Edmondo Fabbri dichiara: “Difficile battere il Torino. I granata vanno forte e la sua classifica non ne rispecchia il valore. Sarà duro per il Milan batterlo, anche perché il Toro ha un carattere straordinario che si rivela soprattutto negli incontri importanti, come sarà appunto quello di domenica. Molto equilibrato mi sembra pure il confronto di San Siro, tra Inter e Juve, ricche di classe ed entrambe in ripresa dopo un avvio di campionato non troppo brillante”. Il pronostico di Manlio Scopigno è il seguente: “Prevedo un pari a S. Siro, mentre a Torino non spirerà aria buona per i rossoneri perché i granata sono forti e con le grosse squadre hanno sempre disputato delle belle partite”. Per la cronaca, Inter-Juventus terminerà 2 a 0 (con le reti di Mario Corso e Roberto Boninsegna), mentre Torino-Milan finirà in pareggio per 1 a 1 (con l’autorete di Massa e il goal di Ferruccio Mazzola).

 

Niente riposo, neanche per il giorno del Santo Natale, per la troupe di “Canzonissima”, condotta dall’affiatata coppia formata da Corrado e Raffaella Carrà. Il 25 dicembre è prevista, per i cantanti, la prova generale della trasmissione di S. Stefano. Dieci cantanti sono stati convocati, ma solamente otto prenderanno parte alla trasmissione: i quattro finalisti già qualificati per la finalissima dell’Epifania 1971 (Massimo Ranieri, Orietta Berti, Claudio Villa, Caterina Caselli) e i sei che attendono ancora il verdetto: Gianni Morandi, Iva Zanicchi, Mino Reitano, Marisa Sannia, Little Tony e Rita Pavone. Dallo spoglio delle cartoline risultano, per ora in vantaggio, Morandi, Zanicchi, Reitano e Sannia. Staccati, ma non ancora matematicamente condannati, Little Tony e Rita Pavone (i quali – effettivamente – saranno eliminati). Nella dodicesima puntata, l’ospite cinematografico sarà Vittorio Gassman che presenterà il film “Brancaleone alle Crociate” diretto da Mario Monicelli.

 

La classifica dei 45 giri più venduti nella settimana del 24 dicembre 1970, vede una innegabile prevalenza per la musica italiana, rispetto a quella internazionale. Al primo posto c’è Lucio Battisti, sempre più “re” delle classifiche nostrane, con l’appassionata “Anna”, firmata come sempre assieme a Mogol.

La seconda posizione vede protagonista Mina con “Io e te da soli”, aggressivo e struggente brano scritto ancora dalla coppia Mogol-Battisti, interpretato in modo superlativo dalla “Tigre di Cremona”.

Terzo è Massimo Ranieri (tra i protagonisti di “Canzonissima 1970”) con la romantica “Sogno d’amore”, scritta da Giancarlo Bigazzi ed Enrico Polito.

In quarta posizione, la band americana dei Mardi Gras, con l’orecchiabile e grintosa “Girl, I’ve Got News For You” di Brad Shapiro e Robert Pucetti (che ottiene un buon successo anche nella versione italiana di Caterina Caselli, con il titolo de “La mia vita, la nostra vita”).

La quinta piazza è ad appannaggio di Ornella Vanoni con “L’appuntamento”, uno dei suoi cavalli di battaglia, versione italiana della struggente “Sentado  à beira do caminho” (firmata da Erasmo e Roberto Carlos), tradotta in italiano da un magistrale Bruno Lauzi.

Sesto posto per Raffaella Carrà con “Ma che musica maestro” (di Paolini e Silvestri e Franco Pisano), sigla iniziale della fortunata “Canzonissima 1970”, di cui la Carrà è briosa primadonna, assieme al padrone di casa Corrado.

La settima posizione vede la presenza di Gianni Morandi con “Al bar si muore”, un motivo impegnato di Franco Migliacci e Claudio Mattone, dedicato alla drammatica Guerra nel Vietnam, ben lontano dalle atmosfere romantiche-allegre presenti di solito nel repertorio di Morandi.

Ottavi sono gli Hotlegs, gruppo inglese legato perlopiù all’affermazione del simpatico motivo “Neanderthal Man”, che si avvale del lancio avvenuto nel celebre programma radiofonico “Alto Gradimento”, condotto da Renzo Arbore e Gianni Boncompagni.

In nona posizione c’è Iva Zanicchi, ottima interprete dell’intensa “Un fiume amaro”, versione italiana di “O Kaimòs”, motivo del 1962 firmato dal cantautore greco Mikis Theodorakis, tradotto  da Sandro Tuminelli.

A chiudere la top ten è “Paranoid”, uno dei motivi “must” nella storia dell’Heavy Metal, portato al successo dai Black Sabbath, storica band britannica composta da Ozzy Osbourne, Tony Iommi, Geezer Butler e Bill Ward.

 

Appuntamento alla prossima settimana.

Buon Natale a tutti gli amici di “RTR 99 – Canzoni e Parole Fuori dal Coro”!!!
David Guarnieri

 

 

CLASSIFICA DEI 45 GIRI PIÙ VENDUTI (24 dicembre 1970):

  1. Anna – Lucio Battisti (Ricordi)
  2. Io e te da soli – Mina (PDU)
  3. Sogno d’amore – Massimo Ranieri (CGD)
  4. Girl, I’ve Got News For You – Mardi Gras (Map City)
  5. L’appuntamento – Ornella Vanoni (Ariston)
  6. Ma che musica maestro – Raffaella Carrà (RCA)
  7. Al bar si muore – Gianni Morandi (RCA)
  8. Neanderthal Man – Hotlegs (Fontana)
  9. Un fiume amaro – Iva Zanicchi (Ri-Fi)
  10. Paranoid – Black Sabbath (Vertigo)

 

Ascolta RTR 99 Canzoni e Parole fuori dal coro
– in radio: a Roma e provincia su FM 99.0 e in DAB+; a Latina e provincia su FM 94.0; a Rieti e provincia su FM 98.5; a Fondi e Sperlonga su FM 98.1
– in TV: in tutto il Lazio sul Digitale Terrestre Canale 680;
– in streaming audio e video su www.rtr99.it;
– sugli Smart Speaker Amazon e Google, con gli assistenti vocali Alexa e Google;
– sull’app gratuita “RTR 99” per smartphone, tablet, Amazon Fire, Android TV, Apple TV;
– sulle Smart-TV con l’app “RTR 99” oppure su Tune-In;
– sui principali aggregatori come Radio Player Italia e FM-World.