Condividi:

HIT PARADE STORY (22 aprile 1983)

 

 

Ben ritrovati a tutti gli amici e a tutte le amiche di “RTR 99 – Canzoni e Parole Fuori dal Coro”. La “macchina del tempo” questa volta ci porta indietro nella settimana del 22 aprile del 1983. Come sempre daremo un’occhiata a ciò che successe a livello politico, sportivo, televisivo e musicale.

 

La politica italiana ha l’assoluta predominanza sui quotidiani dell’epoca. La fine della legislatura e l’ipotesi di elezioni politiche anticipate da abbinare alle “amministrative” previste per il mese di giugno 1983, date per scontate, dopo la relazione del Presidente del Consiglio Bettino Craxi al Comitato Centrale del Partito Socialista, non appaiono così certe. È attesa la riunione dell’Ufficio Politico della Democrazia Cristiana, con le eventuali risposte da parte del leader Ciriaco De Mita, decisamente contrario all’ipotesi di elezioni anticipate. Tra i contrari anche il socialdemocratico Pietro Longo e il liberale Valerio Zanone. Favorevoli, invece, i repubblicani, secondo dichiarazioni di Giovanni Spadolini. Il capogruppo comunista alla Camera, Giorgio Napolitano, dichiara: “Mi sembra ragionevole evitare elezioni a giugno”.

 

Il 25 aprile 1983, la commissione d’organizzazione dell’Uefa farà conoscere la data definitiva della partita di calcio tra Svezia e Italia. Il segretario generale Dario Borgogno e la signora Silvia Antonioli, addetta al rapporti internazionali, si sono incontrati a Zurigo con il presidente della Federcalcio svedese Brodd e il segretario Hernald, per esaminare la possibilità di spostamento della data prevista del 26 maggio 1983. All’incontro hanno partecipato il presidente della Federcalcio francese Fernand Sastre e il presidente della Federcalcio svizzera Baumann, membri della commissione d’organizzazione dell’Uefa. Si ritiene probabile uno spostamento del match al 29 maggio 1983, tre giorni dopo la finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Amburgo, che si terrà ad Atene, come spera anche il Commissario della Nazionale Italiana Enzo Bearzot.

 

Dopo la prima edizione, la RAI ripropone “Azzurro”, manifestazione canora che nel maggio 1982 ottenne un notevole successo. La sede della kermesse resta sempre il teatro “Petruzzelli” di Bari, che ospiterà la maratona di tre giorni (prevista per il 6, 7 e 8 maggio 1983), con 12 ore di diretta sulla Rete 2 della RAI. A condurre la gara sarà Milly Carlucci, con la regia di Gino Landi. A darsi battaglia, otto formazioni di cantanti, che rappresentano generi e stili completamente differenti. A presentare le squadre è l’organizzatore Vittorio Salvetti, che ne ha annunciato anche i capitani: Canguro Lilla (Domenico Modugno e Fred Bongusto); Cavallo Verde (Tiziana Rivale e Drupi); Delfino Bianco (Gianni Bella e Ivan Graziani); Drago Rosso (Franco Califano e Peppino Di Capri); Farfalla Rosa (Alice e Nada); Orso Giallo (Vasco Rossi ed Eugenio Finardi); Pantera Arancio (Rettore e Gianni Togni); Scoiattolo Beige (Anna Oxa e Alberto Camerini). Tra le guest star dovrebbero partecipare: Franco Battiato, Miguel Bosè, Raffaella Carrà, Christopher Cross, Loretta Goggi, Imagination, Matia Bazar, Ph.D., Spandau Ballet, Peter Tosh, Umberto Tozzi. Previsti anche degli spazi comici affidati a Diego Abatantuono, Massimo Boldi, Jerry Calà, Gianni Ciardo, Maurizio Micheli, Teo Teocoli.

 

La classifica dei singoli più venduti nella settimana del 22 aprile 1983 presenta una situazione leggermente favorevole per quel che riguarda la musica italiana rispetto a brani interpretati in inglese (sei a quattro).

Al primo posto ci sono i Matia Bazar con la notissima “Vacanze romane”, motivo che ha permesso al gruppo ligure di conquistare il “Premio della Critica” al Festival di Sanremo 1983.

Secondo è Pippo Franco con la divertente “Chì Chì Chì Cò Cò Cò”, vero e proprio tormentone del periodo, lanciato dall’attore romano in occasione della kermesse festivaliera, di cui è stato ospite d’onore.

Terzo è Toto Cutugno con “L’italiano”, brano da lui firmato assieme a Cristiano Minellono, presentato anche in questo caso a Sanremo 1983.

La quarta piazza è ad appannaggio di un’altra grande star ospite del Festival di Sanremo ’83: Peter Gabriel con l’originalissima “Shock The Monkey” (brano tratto dal suo quarto album eponimo).

La quinta posizione vede protagonisti i Ph.D. (band formata da Simon Phillips, Tony Hymas e Jim Diamond) con la romantica “I Didn’t Know”, proposta anche in questo caso nella tre giorni sanremese.

Sesta posizione per Dario Baldan Bembo e Caterina Caselli con “Amico è…”, brano dello stesso Baldan Bembo, autore assieme a Sergio Bardotti e Ninì Giacomelli, scelto da Mike Bongiorno quale sigla finale del fortunato quiz “Superflash”, in onda ogni giovedì sera su Canale 5.

La canzone in settima posizione è “Face To Face – Heart To Heart”, interpretata da The Twins, duo tedesco formato da Sven Dohrow e Ronnie Schreinzer. Il brano, molto popolare in tutta Europa, è tratto dall’Lp “Modern Lifestyle”.

Ottavo è Toquinho con la delicata “Acquarello” (scritta assieme a Maurizio Fabrizio), Guido Morra e Vinicius De Moraes), presentata dal celebre cantautore brasiliano quale ospite del citato Festival di Sanremo 1983.

Noni sono i Culture Club, guidati dall’imprevedibile Boy George, con il loro primo successo internazionale: “Do You Really Want To Hurt Me”, tratto dall’album d’esordio della band inglese, “Kissing To Be Clever”.

A chiudere la top ten è Vasco Rossi con la canzone lanciata a Sanremo 1983, che gli permetterà di divenire definitivamente una superstar: “Vita spericolata”.

 

 

Ci ritroviamo la prossima settimana.

David Guarnieri

 

 

CLASSIFICA DEI 45 GIRI PIÙ VENDUTI (22 aprile 1983):

 

  1. Vacanze romane – Matia Bazar (Ariston)
  2. Chì Chì Chì Cò Cò Cò – Pippo Franco (Lupus)
  3. L’italiano – Toto Cutugno (Carosello)
  4. Shock The Monkey – Peter Gabriel (Charisma)
  5. I Didn’t Know – Ph.D. (WEA)
  6. Amico è… – Dario Baldan Bembo e Caterina Caselli (CGD)
  7. Face To Face – Heart To Heart – The Twins (Hansa International)
  8. Acquarello – Toquinho (CGD)
  9. Do You Really Want To Heart Me – Culture Club (Virgin)
  10. Vita spericolata – Vasco Rossi (Carosello)

 

Ascolta RTR 99 Canzoni e Parole fuori dal coro
– in FM: a Roma e provincia 99.0, a Latina e Pianura Pontina 94.0, a Rieti e provincia 98.5, a Fondi e Sperlonga 98.1;
– in DAB+ Digital Radio a Roma e provincia, Milano e provincia, in Liguria a Sanremo e Ventimiglia, in Costa Azzurra;
– in TV: in tutto il Lazio sul Digitale Terrestre Canale 680;
– in streaming audio e video su www.rtr99.it;
– sugli Smart-Speaker con gli assistenti vocali Alexa e Google;
– su Smartphone e Tablet con l’app “RTR99”;
– sulle Smart-TV Samsung e LG e su Amazon Fire, Android TV, Apple TV con l’app “RTR99”;
– sui principali aggregatori come RadioPlayer Italia e Tune-In.

 

Ascolta RTR 99 Canzoni e Parole fuori dal coro
– in FM: a Roma e provincia 99.0, a Latina e Pianura Pontina 94.0, a Rieti e provincia 98.5, a Fondi e Sperlonga 98.1;
– in DAB+ Digital Radio a Roma e provincia, Milano e provincia, in Liguria a Sanremo e Ventimiglia, in Costa Azzurra;
– in TV: in tutto il Lazio sul Digitale Terrestre Canale 680;
– in streaming audio e video su www.rtr99.it;
– sugli Smart-Speaker con gli assistenti vocali Alexa e Google;
– su Smartphone e Tablet con l’app “RTR99”;
– sulle Smart-TV Samsung e LG e su Amazon Fire, Android TV, Apple TV con l’app “RTR99”;
– sui principali aggregatori come RadioPlayer Italia e Tune-In.