Condividi l'articolo:
Ciao Roma, Roma mia bella e tanto amata.
Te ponno fá de tutto, ma tu rimarrài sempre la più affascinante de tutte le città.
Te trattano male,è vero… T’abbiamo riempito de monnezza, Le strade tue storiche sò ridotte come ‘na groviera, Ed il traffico poi, lassamo perde! Semo diventati maleducati, nun te rispettamo… Annamo sempre de corsa, manco nò sguardo prendo all’occhio se scambiamo…. E ce voleva pure ‘sta pandemia ad allontanacce de più.
Ma tu sei sempre Roma, Roma mia bella, Che quando c’hai er core afflitto da li pensieri e paure e le lacrime te rigano er viso, Basta fa dú passi, alzá l’occhio ar cielo e vedè le, le fronne dell’arberi che te salutano come tante mani e malandrino,  sembra quasi che te vonno tenè nasccosto ‘n cielo azzurro e pulito.

E il vento, Il vento lieve ma insistente che te libera la testa, Che te fá respirà, Che te rifá fá pace cor monno ‘ntero!

Roma, Roma mia bella, Solo tu me fai torná er sorriso, Solo tu m’accogli tra le braccia come ‘na mamma, E ogni vorta che te guardo è come se fosse la prima vorta. Roma, Roma mia bella, sarai sempre la mejo nonostante le brutture che te famo, Perché de bellezza e de storia In tutto er monno nun ce n’è!

Te amo Roma mia bella…
 …pè sempre ner core mio!

Francesca Romana