Condividi:

FESTIVALBAR STORY: 1982

 

Dopo aver festeggiato il 18° compleanno con una fortunata edizione, che conferma l’incrollabile affetto del pubblico italiano nei confronti del “Festivalbar”, il “patronVittorio Salvetti prepara un’altra rassegna, se possibile ancor più ricca e variopinta. L’organizzatore veneto, in un’affollata conferenza stampa avvenuta il 18 aprile del 1982, annuncia una grande novità da affiancare alle sue fortunate creature (il citato “Festivalbar” e il “Discoverde”): “Azzurro ’82”, una sorta di “campionato della canzone” che si terrà a Bari, presso il “Teatro Petruzzelli”, il 14 e 15 maggio 1982, fra 9 squadre formate da 9 elementi. A condurre questa nuova kermesse sarà il giornalista sportivo Beppe Viola, affiancato dalla bella attrice Daniela Poggi. Nell’annunciare questa nuova manifestazione, Salvetti parla anche del 19° “Festivalbar”, dichiarando: “Proprio non credevo che potesse andarmi tanto bene. Nel 1963 i juke-boxes erano abbastanza rari in Italia, invece si sono poi moltiplicati e non esiste ormai estate senza queste macchine mangiadischi”. Aggiungendo una frase abbastanza clamorosa: “Ho deciso che con il  ventennale metterò fine al Festivalbar: una manifestazione non può durare oltre l’età dei  suoi appassionati. E chi gettona nei juke-boxes ha meno di 20 anni” (ovviamente, le cose non andranno in questo modo, n.d.a.).

 

Terminata la prima edizione di “Azzurro ’82” con un notevole riscontro (e la vittoria della squadra “New Romantic”, capitanata da Gianni Morandi), un super-sorridente Vittorio Salvetti, presenta al “Circolo della Stampa” di Milano, nel primo giorno d’estate (21 giugno 1982), la 19a edizione del “Festivalbar”. La formula resta invariata: le canzoni in gara – di ogni stile e genere, selezionate fra oltre 600 – sono 26. A giudicarle sarà il pubblico italiano, tra “gettonature” nei juke-box e cartoline presenti sul settimanale “Tv Sorrisi e Canzoni”. La canzone più votata verrà premiata l’11 settembre 1982 nella splendida Arena di Verona. Secondo il patron Salvetti: “Il cast di quest’anno è all’ottanta per cento italiano, visto che la nostra produzione ha raggiunto un livello che non teme la concorrenza straniera, come dimostrato anche a Bari, dal nuovo festival “Azzurro ’82”, che ha avuto un ottimo riscontro popolare”.

I partecipanti alla sezione “Big” del 19° “Festivalbar” sono: Accademia (Accademia in Classics), Alice (Messaggio), Loredana Bertè (Non sono una signora), Miguel Bosè (Bravi ragazzi), David Bowie (Cat People), Alberto Camerini (Tanz Bambolina), Mario Castelnuovo (Illa), Ivan Cattaneo (Toro! Torero!), Chicago (Hard To Say I’m Sorry), Fabio Concato (Domenica bestiale), Pino D’Angiò (Fammi un panino), Franco Dani (Dove vai), Peppino Di Capri (Forever), Dik Dik (Giornale di bordo), Tony Esposito (Pagaia), Walter Foini (Canzone dedicata), Garbo (Vorrei regnare), i Genesis (Paperlate), Sandro Giacobbe (Sarà la nostalgia), Giusto Pio (Legione straniera), Imagination (Music And Lights), Elton John (Blue Eyes), Gianni Morandi (Marinaio), Nada (Ti stringerò), Ron (Anima), Franco Simone (Sogno della galleria). Prevista anche la presenza di due belle “mascotte dell’estate”: Stella Carnacina (Antille) e Marina Occhiena (Serenata). Inoltre, ci saranno anche tre “super ospiti” fuori gara: Riccardo Cocciante, Pooh e Antonello Venditti. Quest’ultimo sarà il protagonista del tradizionale concerto “dal vivo” che chiuderà la kermesse finale all’Arena di Verona, come già avvenuto in passato con Lucio Dalla e Fabrizio De Andrè.

A completare l’edizione della manifestazione ci sarà anche il consueto “Discoverde”, dedicato alla selezione delle dodici “Star di domani”, che verranno scremate di volta in volta, arrivando in quattro alla finale veronese nella suggestiva Arena. I dodici selezionati sono: Nino Buonocore (Yaya), La Bottega dell’Arte (Nelle stelle, nel vento), Jo Chiarello (in bianco), i Deluxe (Hanno ucciso Mickey Mouse), Gerardo Carmine Gargiulo (Una gita sul Po), Gruppo Italiano (Tutto giallo), i Manuel-Manù (Toccami, toccami), i Milk & Coffee (L’amore viene e va), Massimo Morante (Corsari), Giuni Russo (Un’estate al mare) e Beppe Starnazza (Disco Frenesia). A condurre le serate del “Discoverde ’82”, in onda da Piazzetta “Vigo” a Chioggia-Sottomarina (Venezia) sono lo stesso Vittorio Salvetti e Stella Carnacina. Tra gli ospiti d’onore: Alberto Camerini, Diane Cobb, Marina Occhiena, Ron e Patty Pravo, pronta a sconvolgere il pubblico con un’esibizione “super rock”, accompagnata dal suo gruppo. Non a caso, la cantante veneziana dichiara: “Oramai farò solo musica rock e mi esibirò solo con la band, come fanno le mie colleghe Chrissie Hynde, Patti Smith o Bonnie Tyler”.

 

L’estate trascorre, con al centro una insperata e clamorosa vittoria della nostra Nazionale di Calcio nei Campionati del Mondo in Spagna (con il trionfo azzurro avvenuto l’11 luglio 1982 contro la Germania Ovest) e un’ottima accoglienza riservata a diversi motivi presentati in gara al “Festivalbar”, che si avvia alla sua conclusione, con la finale “in diretta” (prima volta per la kermesse musicale) dell’11 settembre 1982, che viene trasmessa anche in “Eurovisione” dalla Rete 2, con undici paesi collegati e registrazioni che verranno trasmesse in Canada e in Giappone, a 48 ore di distanza dalla serata.

Arriva finalmente la serata dei verdetti e delle sorprese, che chiude un altro anno importante per la storia del “Festivalbar”. Oltre al classico corollario di partecipanti e di ospiti d’onore, Salvetti annuncia un arrivo “straordinario”: Renato Zero, il quale presenterà alcuni brani tratti dal suo ultimo album, in uscita ad ottobre (’82). A poche ore dal gala conclusivo, il patron Vittorio Salvetti annuncia i nomi dei vincitori: a trionfare è Miguel Bosè con la ben nota “Bravi ragazzi” (seconda vittoria per il cantante italo-spagnolo, a due anni dal trionfo ottenuto con “Olympic Games”), mentre la cantante più votata è Loredana Bertè con “Non sono una signora”, brano bandiera del suo repertorio, firmato da Ivano Fossati. Il riconoscimento per la categoria “Linea 33” è Ron con il suo album “Guarda chi si vede”.

 

Lo show parte alle 20,30 con un concerto dal vivo di Antonello Venditti, super-applaudito dai trentamila presenti nell’Arena di Verona. Alle 21,30 il via con la diretta televisiva, aperta proprio da Venditti con due brani: “Dimmelo tu cos’è” e “Sotto la pioggia”. Dopo i consueti convenevoli offerti da Salvetti, parte la lunga serie di gareggianti: Mario Castelnuovo, Marina Occhiena, Fabio Concato, Peppino Di Capri, Franco Simone, Nada, Sandro Giacobbe, Gianni Morandi, Dik Dik, Ivan Cattaneo, Franco Dani, Accademia, Tony Esposito, Alberto Camerini, Alice, Garbo, Giusto Pio. È poi la volta dello spazio “Discoverde”, riservato ai quattro finalisti della categoria “giovani”. A vincere è Giuni Russo con l’affermatissima “Un’estate al mare” (scritta da Franco Battiato), seguita da Massimo Morante, Gerardo Carmine Gargiulo e Nino Buonocore. Tra gli ospiti d’onore italiani: Riccardo Cocciante con “Celeste nostalgia” e “Un nuovo amico”, Marco Ferradini con “Teorema”, Marcella con “Problemi”, i Tempi Duri (band capitanata da Cristiano De Andrè, figlio di Fabrizio) con “Tempi duri”, gli Stadio con “Grande figlio di puttana”, Rettore con “Lamette” e Teresa De Sio con “Voglia ‘e turnà”. Non mancano anche prestigiosi ospiti internazionali: Buckner & Garcia con “Pac-Man Fever”, i Ph.D. con “I Won’t Let You Down”, Leo Sayer con “Heart (Stop Beating In Time)”, Nicolette Larson con “I’ll Fly Away” (scritta per lei da Jackson Browne), i Toto con “Rosanna” e Falco con “Der Kommissar” (destinato a svettare nella Hit Parade italiana per tre mesi).

Si giunge al clou della serata con le premiazioni: Ron riceve il riconoscimento per gli Lp e canta la sua “Anima”, Alberto Camerini viene insignito del  “Leone d’Oro” di San Marco (dell’assessorato alla cultura della Regione Veneta) per il successo di “Tanz Bambolina”, mentre Miguel Bosè, super festeggiato dai presenti nell’Arena di Verona conquista il “Trofeo Zabov” quale primo classificato e Loredana Bertè è premiata quale “cantante donna più votata”. La sensuale cantante calabrese si presenta abbigliata con un fastoso abito da sposa: la cosa fa molto effetto e ancor di più la sua caduta sul palco avvenuta poco dopo l’esibizione.

La serata festosa viene in parte rovinata dalla mancata partecipazione  dell’annunciato Renato Zero. L’eccentrico cantautore romano avrebbe dovuto interpretare il brano “Sterili” in chiusura di serata (come concordato con Vittorio Salvetti da quasi un mese). Verso la mezzanotte, Zero chiede ad un funzionario RAI di volersi esibire solo a beneficio del pubblico presente in Arena, con esclusione delle telecamere. La richiesta non è stata accettata e Zero, polemicamente, abbandona in pochi minuti l’anfiteatro.

 

Il 19° “Festivalbar” si consegna alla storia in un modo scintillante: le canzoni presentate in gara si rivelano successi maggiori rispetto a quelli delle ultime edizioni, con vere affermazioni discografiche come quelle di Miguel Bosè, Loredana Bertè, Alberto Camerini, Giuni Russo e notevoli risultati commerciali ottenuti da Alice, Sandro Giacobbe, Nada, Fabio Concato e Marco Ferradini. Ottimo anche il risultato ottenuto dal doppio Lp contenente i maggiori motivi presentati in gara (più di centomila copie vendute).

Vittorio Salvetti si conferma uno degli organizzatori più abili e professionali, confermato l’ottimo fiuto nella scelta delle canzoni in gara. Il patron della kermesse annuncia una storica edizione del ventennale, anche se la storia della manifestazione proseguirà su altre reti televisive. Ma ne parleremo la prossima settimana.

 

Ciao a tutti!

David Guarnieri

 

Ascolta RTR 99 Canzoni e Parole fuori dal coro
– in FM: a Roma e provincia 99.0, a Latina e Pianura Pontina 94.0, a Rieti e provincia 98.5, a Fondi e Sperlonga 98.1;
– in DAB+ Digital Radio a Roma e provincia, in Toscana a Firenze Prato e Pistoia, in Lombardia a Brescia e Milano e provincia, in Liguria a Sanremo e Ventimiglia, in Costa Azzurra;
– in TV: a Roma e Provincia sul Digitale Terrestre Canale 87;
– in streaming audio e video su www.rtr99.it;
– sugli Smart-Speaker con gli assistenti vocali Alexa e Google;
– su Smartphone e Tablet con l’app “RTR99”;
– sulle Smart-TV Samsung e LG e su Amazon Fire, Android TV, Apple TV con l’app “RTR99”;
– sui principali aggregatori mondiali.