Condividi l'articolo:

RTR99_Dodi-Battaglia-libro

“Lo sai che da vivo sei meglio che in tv?” di Dodi Battaglia con David De Filippi.

Musicista riservato e spesso concentrato sul proprio strumento, Dodi Battaglia è in realtà un uomo aperto alla vita, animato da una grande passione, disponibile per chiunque lo avvicini con sincerità e forte dell’ironia tipica della Bologna in cui è nato.
In questo libro ha preso la parola, per la prima volta, per raccontare a suo modo quello che c’è stato e c’è dietro una carriera ricca di tali successi e soddisfazioni: anni di gavetta e di furgoni, di incontri fortunati e di momenti difficili, di impegno costante e di sorprese, di amori, di addii e nuovi inizi.
Fitto di aneddoti, ricordi, rivelazioni e retroscena, il libro non si limita alla musica, ma affronta anche argomenti importanti e sensibili come gli affetti familiari, la paternità, la religione e la spiritualità, i valori.
A completare il racconto, e a renderlo imperdibile per tutti i fan, un ricco capitolo di testimonianze inedite di colleghi e amici.
Dodi Battaglia nasce a Bologna il 1° giugno 1951, in una famiglia di musicisti. Prima ancora di sapere leggere e scrivere, impara a leggere la musica. Dopo aver studiato fisarmonica, all’età di 13 anni viene conquistato dalla chitarra elettrica. Suona in vari gruppi dell’area bolognese e nel 1967 conosce Valerio Negrini. Un anno dopo, all’età di 17 anni, Dodi Battaglia debutta ufficialmente con i Pooh. Timido e schivo, all’inizio vuole soltanto suonare la chitarra, poi comincia anche a cantare, è sua la voce in Tanta voglia di lei, il più grande successo del gruppo. Ha ricevuto numerosi premi e ha al suo attivo moltissime collaborazioni. Ha quattro figli e vive attualmente con la moglie Paola Toeschi in una bella casa nel cuore di Bologna.
David De Filippi, scrittore e giornalista toscano, lavora da sempre in campo culturale. Tra i suoi lavori si ricordano Non esiste solo la cinghia (con Stefano Manca), Lapo Elkann – Il Forrest Gump italiano, Raimondo Vianello – Il gran signore della risata e la cura editoriale dell’autobiografia di Bud Spencer.