Condividi l'articolo:

George Benson compie oggi, 22 marzo, 77 anni!

Nato a Pittsburgh, in Pennsylvania, è una delle icone mondiali della musica jazz grazie all’inseparabile chitarra Ibanez che ha accompagnato la vita di milioni di fan.

George Benson dimostra sin dalla più tenera età un grande talento musicale, tanto da vincere un concorso di canto (fu la voce, infatti, il suo primo strumento) alla tenerissima età di 4 anni. Fu il patrigno a incoraggiarlo a imbracciare prima l’ukulele, con il quale già a sette anni si esibiva per le strade della propria città, e in seguito la chitarra, che già ad otto anni padroneggiava in maniera egregia, tanto da permettergli di suonare in un locale senza licenza due sere a settimana. A nove anni incise per la prima volta per un etichetta di Rythm and Blues, la Groove Records, avvenimento che lo portò bruscamente nel mondo dello show business….

La sua tecnica, che sconfina tra il jazz e l’ R&B, l’ hanno reso uno dei più importanti musicisti della scena mondiale, dimostrando che si può fare anche del pop attraverso il proprio stile, scalando le  chart internazionali con brani come Give Me The Night. La canzone è estratta dall’omonimo album del 1980 che fu prodotto da Quincy Jones; il disco raggiunse, in poco tempo, la vetta delle classifiche mondiali.

Nel corso della sua carriera George Benson ha suonato al fianco di celeberrimi artisti del calibro di Miles Davis, Quincy Jones e Tony Bennett.

Una delle ultime produzioni discografiche,nell’ottobre del 2006, si intitola Givin’ It Up ed è condivisa con il cantante Al Jarreau: un album registrato con l’apporto di musicisti e ospiti importanti, in cui i due duettano magistralmente.

La bravura di Benson è testimoniata dai numerosi Grammy Awards vinti nella sua lunghissima carriera tra cui il “Record of the Year” per “This Masquerade” nel 1976, “Best Jazz Vocal Performance” per “Moody’s Mood”, “Best R&B Vocal Performance” per “On Broadway” nel 1978 e “Give me the night” nel 1980.

George Benson è apprezzato anche dagli appassionati di jazz come abile utilizzatore dello “scat“, una tecnica che permette di creare vocalizzi che, nel caso di Benson, si sovrappongono ai fraseggi suonati con la chitarra.

Auguri George Benson, grazie per la tua arte e…. cento di questi giorni!

Paolo Famiglietti